OPERATORE SOCIO-SANITARIO

Descrizione del corso

Il corso di formazione  di Operatore Socio-Sanitario (OSS) è definito dall’Accordo sancito dalla Conferenza Stato-Regioni nella seduta del 22 febbraio 2001 tra il Ministro della Sanità, il Ministro della Solidarietà, le Regioni e le Province autonome di Trento e di Bolzano. La Regione Campania ha recepito l’Accordo con D.G.R. n. 3956/2001. L’operatore socio – sanitario (OSS)  con questo corso di formazione  è  in grado di svolgere attività di cura e di assistenza alle persone in condizione di disagio o di non autosufficienza sul piano fisico e/o psichico, al fine di soddisfarne i bisogni primari e favorirne il benessere e l’autonomia, nonché l’integrazione sociale.

L’Operatore Socio-Sanitario (OSS), a seguito dell’attestato di qualifica conseguito al termine del  corso di formazione professionale regionale, svolge attività indirizzate a soddisfare i bisogni primari della persona, nell’ambito delle proprie aree di competenza, in un contesto sia sociale che sanitario, favorendo il benessere e l’autonomia dell’utente. L’operatore socio sanitario (OSS) svolge la sua attività in collaborazione con gli altri operatori professionali preposti all’assistenza sanitaria e a quella sociale, secondo il criterio del lavoro multi-professionale.

Programma del corso

Modulo n° 1 - Promozione del benessere psicologico e relazionale della persona

• Principali tipologie di utenza e problematiche di servizio.

• Principali tecniche di animazione individuale e di gruppo.

• Principi comuni e aspetti applicativi della legislazione vigente in materia di sicurezza.

• Tecniche comunicative e relazionali in rapporto alle diverse condizioni di malattia/disagio e dipendenza, con particolare  riferimento alle situazioni di demenza.

• La sicurezza sul lavoro: regole e modalità di comportamento (generali e specifiche).

• Strumenti informativi per la registrazione e/o trasmissione di dati.

Modulo n° 2 - Cura dei bisogni primari della persona

• Principi della dietoterapia ed igiene degli alimenti.

• Tecniche di igiene e sicurezza negli ambienti di vita e di cura dell'assistito.

• Strumenti e tecniche per l'igiene personale e la vestizione.

• Procedure igienico-sanitarie per la composizione e il trasporto della persona in caso di decesso.

• Strumenti e tecniche per l'alzata, il trasferimento, la deambulazione.

• Strumenti e tecniche per l'assistenza nell'assunzione dei cibi.

Modulo n° 3 - Adattamento domestico-ambientale

• Tecniche di igiene e sicurezza negli ambienti di vita e di cura dell'assistito.

• Principali riferimenti legislativi e normativi per l'attività di cura e di assistenza.

• Tecniche e procedure per la sterilizzazione e decontaminazione degli strumentari e dei presidi sanitari.

Modulo n° 4 - Assistenza alla salute della persona

• Strumenti informativi per la registrazione e/o trasmissione di dati.

• Tecniche di igiene e sicurezza negli ambienti di vita e di cura dell'assistito.

• Caratteristiche e sintomi rilevanti delle principali patologie fisiche e neurologiche.  

• Principali protocolli e piani di assistenza anche individualizzati e loro utilizzo.  

• Tecniche e protocolli di intervento e di primo soccorso.

Durata del corso

1000 ore (550 ore di formazione in aula + 450 ore di stage in una struttura sanitaria)

Requisiti di ammissione

Titolo attestante l'assolvimento dell'obbligo di istruzione. I prosciolti da tale obbligo e i maggiori di anni 16 possono accedere al corso previo accertamento del possesso delle competenze connesse all'obbligo di istruzione. Per i cittadini stranieri è inoltre necessario il possesso di attestato di conoscenza della lingua italiana ad un livello non inferiore all’A2 del QCER. Sono dispensati dalla presentazione dell’attestato i cittadini stranieri che abbiano conseguito il diploma di scuola secondaria di primo o secondo grado presso un istituto scolastico appartenente al sistema italiano di istruzione.

Titolo rilasciato

Al termine del percorso formativo verrà rilasciata una Qualifica Professionale valida a livello europeo.

Al fine del riconoscimento e della spendibilità sia sul territorio italiano che dei paesi dell’Unione Europea le Qualificazioni sono importate nel Quadro Nazionale delle Qualificazioni Regionali, ai sensi dell'art. 8 del D.Lgs. n.13 del 16 gennaio 2013 (http://nrpitalia.isfol.it/sito_standard/sito_demo/index.php).

Il titolo vale 1 punto nei concorsi pubblici del personale ATA.

Le iscrizioni sono APERTE